I Colli Piacentini sono una regione geografica collinare della provincia di Piacenza che ricomprende le cinque maggiori vallate piacentine: Val Tidone, Val Luretta, Val Trebbia, Val Nure e Val d’Arda. A cavallo tra Lombardia ed Emilia, l’itinerario ciclabile si compone di due tratti di percorso (la “Pedecollinare” e la “Pedemontana” dei Colli Piacentini), posti lungo la direttrice Parma-Pavia, caratterizzati da un’innumerevole presenza di castelli e antiche strutture fortificate.

  • Tempo di percorrenza: 2/4 giorni
  • Tipologia: treno + bicicletta (*)
  • Segnavia: No (**)

* l’itinerario si svolge principalmente su strade asfaltate (a viabilità secondaria), nel tratto pedecollinare è possibile imbattersi in piccoli tratti di strade bianche e/o guadi
** in alcuni tratti del percorso è possibile anche affidarsi alle indicazioni dell’itinerario enogastronomico: Strada dei Colli Piacentini

Accessi:

Pernottamento:

Attrazioni:

Approfondimenti:

Curiosità Storiche

  • Con un plebiscito del 10 maggio 1848 Piacenza è la prima città in Italia a chiedere l’annessione al nascente Regno d’Italia, ancora allora Regno di Sardegna, meritandosi così il titolo di «Primogenita d’Italia»
  • Nel 1996, per l’impegno profuso dei piacentini durante i venti lunghi mesi della lotta di Liberazione lungo la Linea Gotica, la città è stata anche premiata con la “Medaglia d’Oro al Valor Militare
  • Per sua stessa collocazione, al crocevia tra quattro regioni, Leonardo Da Vinci scriveva che “Piacenza è terra di passo”, posta sulle rive del Po, alle porte dell’Emilia, racchiusa nell’abbraccio dei primi rilievi Appenninici, da sempre sosta ideale nel passaggio di principi e pellegrini, crociati, commercianti e artisti
  • Situata lungo l’antico percorso della Via Francigena, Piacenza assiste attorno al Mille ad una notevole rinascita demografica, civile ed economica, grazie alla sua collocazione strategica tra le grandi direttrici che scendevano dalle Alpi ed al sempre più importante Feudo Monastico di San Colombano di Bobbio

Informazioni turistiche